• SUZ – Lacework

    Con il soprannome Suz la cantante bolognese Susanna La Polla si è fatta conoscere all’inizio degli anni ‘90 come corista e vocalist per il pioniere del ragamuffin italiano Papa Ricky. Negli anni zero insieme al produttore Ezra e al bassista Alessio “Alessiomanna” Argenteri (entrambi già nelle fila della storica band Casino Royale) è poi approdata ad un trip hop elegante e raffinato con gli album Shape of Fear and Bravery (2009 – No.Mad Records) e One Is A Crowd (2013 – No.Mad Records) accolti con entusiasmo dalla critica musicale nazionale (da Repubblica a Il Corriere della Sera, passando per il Manifesto e la rivista Internazionale) e da numerosi blog musicali internazionali. Dal suo ultimo album One Is A Crowd sono stati tratti due singoli. Distant Skies, realizzato insieme al produttore statunitense KutMasta Kurt, e Rubber and Glue, scritto con l’attrice e cantante bolognese Angela Baraldi.

    I due brani sono stati accompagnati da video promozionali girati rispettivamente da Matteo Bombarda della crew di videomaker bolognese Undervilla Production e da Andreas La Marmora per la casa di produzione inglese Penguins Freckles. Dopo essersi esibita live nelle principali città italiane, aver aperto i dj set di pionieri del Bristol sound come Daddy G (Massive Attack) e Roni Size, ed essere inoltre stata invitata ad esibirsi a Mannheim e Lipsia come artista rappresentante di Bologna Città della Musica, Suz insieme ad alcuni fra i più apprezzati musicisti della scena jazz bolognese come Valerio Pontrandolfo (sax tenore), Nico Menci (piano), Bruno Briscik (contrabbasso) e Marco Frattini (batteria), ha inoltre dato vita al Suz Jazz Quintet, un nuovo progetto con cui riscopre ed esplora le origini delle sonorità che hanno in parte ispirato i principali esponenti del trip hop. Attualmente impegnata anche nel progetto dub techno Weight and Treble, al fianco di Massimo Carozzi (Zimmerfrei, El Muniria) e Manuel Giannini (Starfuckers), la vocalist e autrice bolognese vanta inoltre collaborazioni con dj Katzuma, Dj Pandaj, Black Job, e non ultime quella con TY1 aka dj Tayone (Suz è interprete di un brano e autrice di ben tre testi di “Hardship”, disco del mago del turntablism) e quella con il musicista statunitense Justin Bennett (Skinny Puppy, My Life With The Thrill Kill Cult). Lacework è il terzo album di Suz. Interamente realizzato insieme al produttore Ezra Capogna (Ezra, Casino Royale, Dub Pigeon)

    Ascolta qui.


Share

Related

  • ADAM CARPET – Parabolas

    Improvvisare. Sperimentare. Sintetizzare. Immaginare. Sono queste le parole d’ordine del nuovo album degli Adam Carpet Parabolas, che giunge a distanza di tre anni dal precedente omonimo album del quintetto milanese. Otto brani selezionati da numero [&hellip

  • Omega Storie & Ronnni the Meatbaker – Labor Limae

    L’8 giugno esce il nuovo EP di Omega Storie “Labor Limae” è un termine di derivazione latina usato da scrittori arcaici come Francesco Petrarca e significa rifinitura del lavoro, continua ricerca della perfezione, studio maniacale [&hellip

We would like to hear your comment