• Murubutu – L’Uomo Che Viaggiava Nel Vento e altri racconti di brezze e correnti

    COVER_Digital_OKQuesto nuovo disco è il mio quarto tributo al connubio fra musica rap e letteratura nonché il mio secondo concept album. I brani che lo compongono hanno tutti un comun denominatore: il vento.
    Il vento come agente atmosferico che nonostante il suo essere invisibile ha generato la vita e influenza così tanto la nostra esistenza. Il vento come viandante mai stanco in grado di visitare infiniti luoghi mutandone i contorni. Il pensiero come vento della mente, ora leggero ora incontrollabile.
    Il vento come medium narrativo attraverso cui raccontare fenomeni complessi come l’alfabetizzazione, la “diversabilità”, l’emarginazione, i matrimoni forzati, le spose di guerra, la patologia mentale in varie declinazioni.
    Infine il vento come poesia e risorsa: la title track stessa è un tributo ad un protagonista del vento, Angelo D’Arrigo, campione di volo con il deltaplano scomparso nel 2006.
    Tutti i racconti contenuti hanno registri e suggestioni differenti e risentono dell’influenza di narratori diversi come Biamonti, Bonnefoy, Curioni, Hesse, Rigoni Stern miscelati nella mia testa con approfondimenti storici e racconti popolari.
    I rap-conti contenuti nell’album sono come tanti luoghi, prossimi o remoti, attraversati da uno stesso vento che cambia nome e caratteristiche ma che assolve ad un compito che pare gli sia intrinseco da sempre: quello di raccogliere storie nel proprio grembo e conservarle per sempre in attesa che qualcuno le voglia leggere, quasi esistesse una memoria dei flussi d’aria.
    Le produzioni sono affidate in gran parte a beatmakers noti alla scena hip hop nazionale per il loro suono classico e caldo che bene si amalgama con le mie narrazioni. La forte identità di genere delle basi strumentali e la mia attenzione tecnica nella costruzione lirica vogliono essere una dimostrazione, rivolta soprattutto alle giovani generazioni, di come si possa realizzare musica hip hop senza tralasciare concetti e riferimenti che possano contribuire ad un crescita culturale di ampio respiro.
    Le collaborazioni al microfono oltre ai miei soci di sempre (La Kattiveria e Dj T-Robb) e a due talentuose voci femminili (Dia, Amelivia), è rappresentata da artisti  che considero tra i maggiori esponenti della scrittura alta nel rap in Italia: Dargen D’Amico, Ghemon, Rancore.
    Un altro rap è possibile.

    https://lnk.to/LuomoCheViaggiavaNelVento


Share

Related

  • ANTEPRIMA: “ISOLA VERDE” DI MURUBUTU

    “Isola Verde” è il primo singolo estratto dall’album di prossima uscita di Murubutu: “Gli ammutinati del bouncin’ ovvero mirabolanti avventure di uomini e mari”. Previsto per aprile su etichetta Mandibola/IRMA records. L’anteprima del video la [&hellip

  • MURUBUTU

    Murubutu, al secolo Alessio Mariani, nato a Reggio Emilia, si avvicina all’Hip Hop all’inizio degli anni ’90. Dapprima  Writer e Breaker trova la propria vocazione nell’Mcing attraversando le varie fasi storiche del Rap in Italia. [&hellip

We would like to hear your comment