• LES JEUX SONT FUNK – Erasing Rock

    I Les Jeux Sont Funk vengono da Trento, all’ombra delle Dolomiti e come principio ispiratore hanno il groove, ovvero l’astratta energia che sprigiona il movimento del corpo. Dicono di ispirarsi alle parole dell’enigmatico Visir della Funkologia, secondo il quale la musica “non aspira né alla sicurezza né alla stabilità, bensì alla vertigine, all’estasi; essa tende, a un tempo, alle deviazioni del sogno e alla fertilità della disillusione”. La band è composta da tre musicisti con un diverso background: Elisa Amistadi, cantante e autrice già nota per varie collaborazioni prestigiose e per aver vinto premi quali cui Musicultura e Pavanello; Michele Bazzanella, compositore di musica per la danza, DJ e soprattutto bassista dal tocco riconoscibile; Carlo Nardi, produttore, chitarrista, compositore di musiche per video e, per qualche anno, DJ della scena berlinese in locali quali Delicious Doughnuts, Lovelite, Cassiopeia, Privatclub, ZMF, Rosì, e molti altri. L’album, la cui lavorazione ha richiesto vari mesi, riunisce le tre anime della band – acustica, elettronica e digitale – in un percorso che tocca sonorità sixties, la musica dance e, naturalmente, il funk sia nelle sue molteplici manifestazioni che nella sua rinnovata attualità. Inoltre, dalla musica da film Erasing Rock riprende una certa libertà nelle strutture, nel rapporto con diversi stili musicali e nelle soluzioni creative in generale.


    L’esperienza musicale e l’utilizzo di strumenti analogici e digitali sono quindi funzionali a un progetto in cui per i Les Jeux Sont Funk la tecnologia è messa al servizio del progetto artistico, non viceversa: “Volevamo che un ascoltatore potesse riconoscere ogni dettaglio, ogni singolo strumento, ogni linea ritmica o melodica e che al tempo stesso riuscisse a identificare istantaneamente un sound specifico”. Un sound che è consapevole del passato ma che non vuole apparire necessariamente come nostalgico e che, anzi, pone in primo piano la canzone come riflesso del presente.
    Il loro live set – 2 workstations and 1 microphone – rispecchia la volontà di non dare tutto per scontato, accogliendo il rischio come fonte di opportunità per nuove soluzioni creative. A questo fine, i LJSF si affidano solo in parte a basi e campioni, introducendo continuamente elementi di incertezza che consentano di ricomporre nuovamente il groove in tempo reale. Di conseguenza, solo una parte degli eventi è predeterminata, mentre il resto viene affidato all’intuizione e all’improvvisazione ma mai al caso, poiché il funk è qualsiasi suono si possa immaginare, giusto o sbagliato che sia, purché nel tempo e nel posto giusti.
    Parafrasando Malcolm X, i LJSF sostengono che: «i meriti sono tutti dei maestri a cui ci ispiriamo – Funkadelic, Beck, Zapp, Sly & the Family Stone, James Brown, Daft Punk, Nina Simone, Prince, Fela Kuti, Curtis Mayfield, R.D. Burman, Chic, Pharrell Williams, Herbie Hancock, The Meters, eccetera – mentre gli errori sono solo nostri». Parafrasando Thelonious Monk, aggiungono: «speriamo di fare sempre gli errori giusti».

    Streaming qui.


Share

Related

  • IT’S A GROOVY THING VOL. 1, 2 & 3

    Alcuni maestri  sono stati: Jimmy Smith, Jimmy McGriff, Walter Wanderley, Larry Young… Sam Paglia, Paolo Apollo Negri, Francesco Gazzarra, Mecco Guidi, Emiliano Pari e Kekko Montefiori sono i tastieristi del catalogo Irma che amano profondamente [&hellip

  • PAPIK – Little Songs For Big Elevators

    Richiamandosi al successo del precedente disco, Sounds For The Open Road, Papik ripropone il formato doppio con questo nuovo album dal titolo Little Songs For Big Elevators. 30 brani tra inediti e cover che spaziano [&hellip

We would like to hear your comment